Skip to main content
  • Parco Natura La Selvotta

Rapaci diurni saprofagi: gli avvoltoi e i grifoni del Parco Natura La Selvotta


I rapaci diurni saprofagi sono predatori che si nutrono di carogne durante il giorno, sono riciclatori naturali, importanti per l’ecosistema.

Se sei affascinato dai rapaci diurni, probabilmente hai già letto il nostro precedente articolo sul mondo dei falchi, aquile e poiane.

Ma cosa sai dei rapaci diurni saprofagi? Questi maestosi predatori occupano un posto unico nell’ecosistema e tra di essi spiccano gli avvoltoi e i grifoni, creature straordinarie che meritano un’analisi approfondita.

All’interno del Parco Natura La Selvotta sono allevate circa 50 specie di rapaci diurni e notturni e i visitatori possono osservare da vicino questi esemplari, sotto l’occhio attento e vigile del nostro staff.

Rapaci diurni: piccolo riassunto

In particolare, i rapaci diurni, con i loro acuti sensi visivi e abilità di volo straordinarie, sono predatori altamente specializzati che catturano le loro prede con precisione e agilità sorprendenti.

Dotati di artigli potenti, ali robuste e becchi affilati, i rapaci diurni sono adattati perfettamente al loro stile di vita predatorio, manifestando una straordinaria diversità morfologica e comportamentale tra le varie specie.

Tra di essi, spiccano i rapaci cosiddetti “saprofagi”, così chiamati perché una parte significativa della loro dieta è costituita da carogne o animali morti.
Infatti, il termine “saprofago” deriva dalla parola greca “sapros,” che significa “putrido” o “in decomposizione,” e “phagein,” che significa “mangiare”. Quindi, un saprofago si nutre principalmente di materia organica in decomposizione, come carogne, piuttosto che di prede cacciate attivamente.

Sono saprofagi gli avvoltoi e i grifoni, che in tal modo svolgono un ruolo ecologico vitale, contribuendo a rimuovere rapidamente le carcasse in decomposizione dall’ambiente, limitando la diffusione di malattie e mantenendo l’equilibrio ecologico.

Uccelli rapaci diurni: gli avvoltoi e il loro ruolo a vantaggio dell’ecosistema

Gli avvoltoi rappresentano una delle famiglie più iconiche di rapaci saprofagi.
Conosciuti per la loro capacità di individuare carogne da grandi distanze, sono stati oggetto di interessanti considerazioni storiche e antropologiche.

Dal punto di vista biologico, gli avvoltoi sono adattati in modo straordinario per il loro ruolo di pulitori dell’ambiente.
Il loro collo denudato è una caratteristica distintiva che previene l’accumulo di residui e batteri provenienti dalle carogne.
Dotati di un acuto senso dell’olfatto, riescono a individuare una carcassa in decomposizione anche a chilometri di distanza.
Le loro ali larghe consentono voli planati estesi, ottimizzando la ricerca del cibo.

Oltre alle loro straordinarie capacità fisiche, gli avvoltoi hanno rivestito un ruolo significativo in molte culture e mitologie.
In molte tradizioni, sono stati considerati simboli di purificazione e rigenerazione.

Ad esempio, nell’antico Egitto, l’avvoltoio è associato alla Dea Iside e alla divinità nel caso di Nekhbet, protettrice dell’Alto Egitto e del Faraone.

Nella storia più recente, gli avvoltoi sono stati anche protagonisti di miti popolari.
In alcune culture native americane, venivano considerati messaggeri tra il mondo terreno e quello spirituale, portatori di saggezza e guida per le anime dei defunti verso l’aldilà.

La loro presenza nelle culture antiche e nelle credenze popolari dimostra l’impatto significativo che questi rapaci hanno avuto sulle società umane, sia come simboli che come parte integrante dell’ecosistema.
La loro importanza storica e antropologica è intrinsecamente legata alla loro funzione ecologica e alla loro presenza simbolica in molte società nel corso dei secoli.

Inoltre, proprio per sottolineare l’importanza di questi uccelli e la loro tutela, ogni anno il primo sabato di settembre (nel 2024 sarà il 7 settembre) si celebra la Giornata mondiale degli avvoltoi.

Grifoni: le maestose aquile delle montagne

I grifoni sono un’altra specie di rapace diurno saprofago che merita una menzione speciale.

Con la loro imponente presenza e caratteristiche distintive, sono tra i rapaci più magnifici e affascinanti. Queste creature iconiche possiedono un’apertura alare che può superare i due metri, rendendoli tra i più grandi rapaci del mondo.
I loro corpi massicci, le ali robuste e la testa ornata da un caratteristico ciuffo di piume li distinguono nella catena alimentare e nel panorama naturalistico.

I grifoni sono spesso associati a simboli di forza e nobiltà.
Considerati guardiani dei tesori nella mitologia greca o simbolo di regalità e protezione in altre culture.

I grifoni nidificano in luoghi impervi e spesso inaccessibili, come i dirupi e le scogliere, garantendo una sicurezza e una protezione per i loro piccoli. La loro dieta varia da carcasse di animali a piccoli mammiferi, dimostrando la loro versatilità come predatori; ed è proprio la presenza nelle catene montuose e nelle regioni remote, che ha reso il grifone leggendario, soggetto di leggende e racconti epici.

La presenza storica e culturale dei grifoni è stata osservata in varie civiltà antiche, testimonianza del loro impatto nelle credenze e nei miti delle popolazioni di tutto il mondo. La maestosità e la potenza di queste creature continuano ad ispirare l’immaginario collettivo, mentre la loro importanza ecologica nella catena alimentare conferma la loro posizione di rilevanza nell’ecosistema.

Il Parco Natura La Selvotta: un’esperienza unica per l’appassionato di falconeria

Se sei un appassionato di rapaci diurni e desideri approfondire la tua conoscenza di questo incantevole mondo, non c’è posto migliore del Parco Natura La Selvotta!
Con oltre 50 specie di rapaci allevate e la possibilità di partecipare al “falconiere per un giorno”, hai l’opportunità di avvicinarti a questi affascinanti uccelli in modo unico e coinvolgente.
Il parco offre esperienze straordinarie per tutta la famiglia e le scuole, consentendo a persone di tutte le età di scoprire la bellezza e la maestosità dei rapaci diurni, compresi i saprofagi.

Inoltre, l’esperienza con i nostri rapaci si è rivelata particolarmente positiva per bambini e adulti con problemi psico-cognitivi.
Abbiamo parlato già di pet therapy, mettendo in evidenza quanto l’interazione con i rapaci favorisca il benessere mentale e contribuisca a un miglioramento dell’umore e delle abilità sociali dei pazienti.

Continua a seguire il nostro blog per essere sempre aggiornato su tutte le novità del mondo dei rapaci e su quelle del Parco.

Rapaci diurni saprofagi: gli avvoltoi e i grifoni del Parco Natura La Selvotta
Torna su